ULTIME DALLA FLC NAZIONALE



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Benvenuto nel sito della FLC CGIL di Torino
COORDINAMENTO METROPOLITANO DELLA SCUOLA LIBERA E PUBBLICA - GIOVEDI 25 SETTEMBRE 2014 ALLE ORE 20,30 PRESSO L'AULA MAGNA DELL'ISTITUTO AVOGADRO PDF Stampa E-mail
 

Care/i compagne/i,

il governo Renzi ha presentato in questi giorni un programma di intervento sulla scuola pubblica, "La buona scuola".
E'un progetto complesso che se da un lato propone la stabilizzazione di circa 150000 precari, dall'altro delinea un'architettura della scuola che presenta forti criticità sia per l'idea di scuola che prefigura, sia per il ruolo debole che il contratto di lavoro svolge in questa nuova prospettiva.

Noi riteniamo che il progetto "La buona scuola" non si possa leggere soltanto come un aggregato di proposte "tecniche"; si tratta piuttosto di un progetto che rimette in discussione le basi del sistema scolastico, il ruolo dell'insegnamento, la professionalità dei docenti, il ruolo dei lavoratori ATA, il rapporto con il territorio e, in particolare, il ruolo dell'impresa, per finire con la declinazione manageriale della figura del dirigente scolastico. Sono temi non residuali, nei confronti dei quali è necessario misurarsi e far valere le proposte che da tempo presentiamo ai diversi ministri in carica.

Pur valutando positivamente l'ipotesi (che dovrà essere opportunamente verificata sul piano della copertura finanziaria) della stabilizzazione di migliaia di lavoratrici e lavoratori precari, riteniamo  che alcune ipotesi contenute nel testo governativo  siano irricevibili, soprattutto perché sottendono un MODELLO COMPETITIVO DI SCUOLA ESPOSTO A RISCHI DI MERCIFICAZIONE DEL SAPERE. Ma avremo modo di approfondirne  insieme l'analisi, unitamente alle nostre proposte.

In considerazione della gravità e della complessità dei contenuti del progetto governativo, riteniamo che si debba sviluppare un CONFRONTO COLLETTIVO e NON UNA CONSULTAZIONE ON LINE.

Per queste ragioni, il GIORNO 25 SETTEMBRE 2014 ALLE ORE 20,30 PRESSO L'AULA MAGNA DELL'ISTITUTO AVOGADRO SI TERRÀ UN'ASSEMBLEA GENERALE DEI DELEGATE E DELLE DELEGATE DELLA SCUOLA, aperta agli iscritti FLC CGIL e ai non iscritti, con l'intento di dare vita un "COORDINAMENTO METROPOLITANO DELLA SCUOLA LIBERA E PUBBLICA".
Il Coordinamento si estende a tutto il territorio provinciale e in quell'occasione chiederemo anche alle associazioni che operano nell'ambito della scuola pubblica di partecipare con la loro identità e sensibilità.
Allo stesso tempo, riteniamo che l'istruzione pubblica non sia un'istituzione che riguarda esclusivamente alunni e lavoratori del comparto; la scuola pubblica è una istituzione che garantisce  i diritti sociali di cittadinanza. Chiederemo  dunque a DELEGATI SINDACALI DI ALTRI COMPARTI DEI SETTORI PUBBLICI E PRIVATI DI PRENDERE PARTE ALL'ASSEMBLEA per sviluppare insieme una strategia comune, volta ad affermare il valore di una scuola pubblica e libera,  nella quale la qualità del lavoro e la libertà nel lavoro sono la precondizione per un'offerta formativa che risponde ai bisogni e alle necessità formative di tutti.

La scuola deve essere un' istituzione di emancipazione sociale. Lo ribadiremo con il confronto e  con le nostre proposte: il Coordinamento metropolitano  costituirà la sede di elaborazione e definizione dei nostri progetti e dei nostri percorsi di mobilitazione.

In queste settimane abbiamo svolto assemblee con RSU e iscritti della scuola; abbiamo raccolto sollecitazioni e proposte che presenteremo in un documento  di sintesi da sottoporre all'attenzione dell'assemblea. Nel corso dell'incontro saranno distribuiti documenti, in modo da rendere operativa l'azione delle RSU nelle scuole, per affermare la nostra idea di scuola.

Vi chiediamo pertanto di partecipare alla riunione e di diffondere questo invito a tutti coloro che sono interessati al ruolo ed al valore dell'istruzione pubblica.
Un caro saluto

 Igor Piotto
 FLC CGIL Torino 
 
#sbloccacontratto, firma anche tu per chiedere il rinnovo del contratto PDF Stampa E-mail
 
Questi i recapiti per inviare le firme raccolte: via mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o via fax al n. 011.4347740.

Ancora promesse disattese, ancora un 
colpo alla dignità del lavoro e delle professioni della conoscenza.

Puntualmente sono arrivate rassicurazioni che sarebbe stato l’ultimo rinvio e con altrettanta puntualità sono arrivati ulteriori blocchi della contrattazione.

Anche il decisionismo di #matteo ha dato continuità alle decisioni dei governi di destra e di centro destra. Significativa la modalità scelta per la sua comunicazione: un tweet per lepromesse, l’annuncio affidato alla giovane ministra per le retromarce.

Del resto, non è la prima volta. Poche settimane fa ci fu detto che avrebbero ripresentato un provvedimento per i "quota 96" insieme ad uno complessivo e specifico per la scuola, ma sono arrivate solo 136 slide e di questo provvedimento non v’è traccia. Ora, con un annuncio laconico, ci viene detto che non ci sono soldi per i contratti. E ancora una volta a pagare saranno i dipendenti pubblici.

I lavoratori della scuola pagheranno due volte, senza contratto e adeguamenti della retribuzioneda 5 anni, e per altri 4 ancora, e senza neanche più l’unica forma di adeguamento, gli scatti di anzianità.

Facendo un po’ di conti, è come se #matteo abbia infilato la mano nelle tasche dei lavoratori pubblici e abbia sottratto loro i famosi 80 euro, spesso ricordati come la grande redistribuzione dei redditi. Certo redistribuiti come un Robin Hood alla rovescia, anzi come lo Sceriffo di Nottingham.

Ora basta, mobilitiamoci!

È partita la campagna dei lavoratori della scuola per chiedere il rinnovo del contratto, continuità per gli scatti di anzianità, investimenti in istruzione.
Come prima forma di pressione raccoglieremo migliaia di firme che consegneremo alla Presidenza del Consiglio.


La nostra consultazione non sarà online ma con centinaia di assemblee nei luoghi di lavoro e iniziative con associazioni, movimenti, istituzioni. Seguiranno altre forme di mobilitazione, sia unitarie sia congiunte con le altre categorie del pubblico impiego. Saremo in piazza con una grande manifestazione e sarà sciopero. 

Facciamo appello alle lavoratrici e ai lavoratori della scuola perché ci sostengano in questo percorso di mobilitazione, per dare una risposta forte e corale all’altezza della situazione

Scarica il modello, firma e fai firmare

Questi i recapiti per inviare le firme raccolte: via mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o via fax al n. 011.4347740.

 
Manifestazione nazionale per la pace - Firenze 21 settembre 2014. PDF Stampa E-mail
 

Care compagne, cari compagni,

"Facciamo insieme un passo di pace" è lo slogan della giornata di mobilitazione promossa dalla rete della Pace, a cui la CGIL aderisce, che si terrà in piazza Michelangelo a Firenze il 21 settembre.

Un'iniziativa di mobilitazione straordinaria per fermare le guerre che circondano l'Europa, a partire dalla Palestina, dal Medio Oriente, dall'Ucraina, ma anche una giornata di riflessione, di conoscenza e di sostegno alla costruzione di un percorso di pace e di giustizia.

Da Firenze verrà lanciata la piattaforma di richieste e di campagne per un cambio di passo delle politiche dei governi e delle istituzioni internazionali.

La gravità della situazione, la violenza, la morte di tante donne e bambini, non possono lasciarci indifferenti; per questo la CGIL di Torino organizza la partecipazione alla manifestazione, con partenza in autobus da Torino alle ore 5,45 e rientro alle ore 22,30.

Le adesioni nominative devono essere comunicate entro mercoledì 17 settembre aQuesto indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Allegato: 
Appello Passo di Pace 


 
INFORM@ATA numero 7 anno 2014 PDF Stampa E-mail
 
 INFORM@ATA numero 7 anno 2014 SCARICA

A ottobre pagamento degli scatti di anzianità e posizioni economiche ATA.
Una nota del MEF ribadisce il solo riconoscimento giuridico da settembre a dicembre delle posizioni economiche ATA.
Graduatorie di istituto ATA (III fascia): le domande entro mercoledì 8 ottobre 2014.
Seconda convocazione per operazioni di nomina a tempo determinato A.S. 2014/2015 per i profili ata.
Immissioni in ruolo:il primo anno di lavoro a tempo indeterminato.
 
 
Graduatorie di istituto ATA: le domande entro mercoledì 8 ottobre PDF Stampa E-mail
 
Pubblicato il bando per la terza fascia. Le domande sono cartacee, mentre la scelta delle 30 scuole avverrà con le istanze online.

Il MIUR, con il Decreto Ministeriale 717 del 5 settembre 2014 e allegati, ha pubblicato il bando per il reclutamento 2014/2016 della terza fascia d’istituto del personale ATA.

Le domande potranno essere presentate entro mercoledì 8 ottobre 2014.

Sarà possibile confermare la propria posizione con il modello D2 o effettuare un aggiornamento o un nuovo inserimento con il modello D1.

Il Modello D3 per la scelta delle 30 scuole andrà presentato attraverso le istanze online con scadenza che sarà definita successivamente. Intanto è opportuno registrarsi alle istanze online o controllare le proprie credenziali. 

A breve pubblicheremo un commento analitico ed alcune schede di lettura, intanto alleghiamo la scheda sui requisiti per poter accedere.

Presso le nostre sedi locali sarà predisposto uno specifico servizio di consulenza.

Sul nostro sito sono disponibili una guida e un video con le istruzioni per la registrazione.




 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Successivo > Fine >>

Pagina 1 di 105
SEO by Artio
Cantiere scuola FLC CGIL, proposte per la scuola bene comune
Banner
Il nostro fascicolo di avvio anno scolastico 2014/2015
Banner
Banner
Banner

Sondaggi

Joomla! è utilizzato per?
 

Iniziative

Banner

Calendario

Non ci sono eventi al momento.

Login