ULTIME DALLA FLC NAZIONALE



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Benvenuto nel sito della FLC CGIL di Torino
Coordinamento metropol.per una scuola libera e pubblica - Torino 22 luglio 2015 PDF Stampa E-mail
Coordinamento metropolitano per una scuola libera e pubblica - Torino 22 luglio 2015
Legge 107/15. Il contesto e le risposte per la mobilitazione di settembre.
 
La riunione del Coordinamento è stata l'occasione per poter fare il punto della situazione, a partire dall’approvazione della legge 107/15.
L'assemblea, piuttosto partecipata considerata la data a ridosso delle vacanze estive, ha convenuto sull'analisi della situazione e sulla necessità di intraprendere un percorso di mobilitazione.                                                  
L'analisi e il contesto.
L'incontro si è aperto con un’esposizione dei temi sui quali il movimento di questi mesi si dovrà misurare, se intenderà proseguire con l'azione di contrasto alla legge che cambia radicalmente l'assetto democratico dell'istruzione pubblica.
 Il documento approvato dal Comitato direttivo  nazionale FLC CGIL ha fornito la traccia per una discussione ampia sui vincoli e sulle condizioni di sviluppo del movimento alla ripresa dell'anno scolastico 2015-2015. 

Un primo elemento riguarda la linea strategica da perseguire: un primo passaggio di chiarimento riguarda l'ampiezza e la prospettiva della lotta nei prossimi mesi. Senza alcuna ambiguità.
Il movimento che si è sviluppato nei mesi scorsi che ha visto l'80% delle lavoratrici e dei lavoratori aderire allo sciopero del 5 maggio è stato un movimento plurale, eterogeneo, accomunato da un comune dissenso nei confronti dei contenuti del disegno di legge sulla scuola e nelle modalità con le quali questo è stato discusso ed approvato in Parlamento. 
Questo è il punto di partenza: eterogeneità d’intenti nella mobilitazione ed adesione estesa alle iniziative di lotta. L'approvazione del Disegno di legge, con una palese torsione autoritaria del ruolo della discussione parlamentare, rischia di determinare ricadute sul vissuto delle persone, anche di quelle che hanno sostenuto e partecipato alle iniziative di questi mesi. Ricadute che hanno un diretto rapporto sulla difficile definizione del “che fare?” a partire dall'inizio del prossimo anno scolastico. 
Due prospettive di risposta
1)     Il clima di rassegnazione e scoramento rischia di far prevalere un secondo scenario molto insidioso per la tenuta della rappresentanza sindacale; uno scenario nel quale la rappresentanza sindacale si troverebbe costretta a adottare una strategia di condizionamento
Il nucleo distintivo di tale strategia consisterebbe nella disponibilità ad implementare il nucleo di valutazione, rinunciando al primato del contratto e della contrattazione, e di “condizionare” dall'interno tale nucleo in modo da correggerne gli aspetti d’iniquità. Si tratta di una strategia che si pone nell'ottica della “riduzione del danno”. 
Il tentativo di “cogestire” dall'interno il nucleo di valutazione si configurerebbe come una sperimentazione allargata e decentrata nonché anticipazione di un modello negoziale che avrebbe come conseguenza quella di determinare nella prassi quotidiana un modello contrattuale subalterno, determinando un precedente che potrebbe eventualmente trovare formalizzazione nel momento in cui si dovesse rendere concreta una reale discussione per il rinnovo del CCNL. 
La strategia del condizionamento, se da un lato abbasserebbe  il livello di conflittualità nella scuola, dall’altro determinerebbe un radicale riposizionamento del ruolo delle RSU e un processo di neutralizzazione delle prerogative contrattuali in materia di autorità salariale. In altri termini non è più il contratto ad assegnare alla rappresentanza sindacale e alla contrattazione un ruolo di autorità salariale ma un organismo extracontrattuale finalizzato a depotenziare tutto ciò rimanda al negoziato tra le parti. 
Tale strategia porterebbe di qui a poco il movimento ad un progressivo assorbimento all'interno di meccanismi di gestione che avrebbero l'effetto di inaridire ogni ipotesi di mobilitazione e dissenso.
 Accettare l'impianto della riforma anche in una prospettiva di condizionamento avrebbero com’esito la subalternità delle lavoratrici e dei lavoratori, delle RSU ridimensionando lo stesso ruolo del collegio docenti. 
2)    Una seconda ipotesi riguarda la strategia del contrasto. Si tratta di organizzare nei Collegi docenti, nella comunità d’ogni istituzione scolastica, con un coinvolgimento anche del personale ATA, un insieme di azioni e d’interventi finalizzati ad  impedire l'implementazione delle disposizioni legislative che esautorano la contrattazione e il collegio docenti del potere d’indirizzo e controllo nell'organizzazione del lavoro e 
nella distribuzione delle risorse. In primo luogo depotenziando il più possibile il ruolo di normalizzazione svolto dal Comitato di valutazione. Nell'ambito di tale strategia va compresa un'azione di rafforzamento del ruolo del Collegio docenti quale sede di governo della progettualità didattica e formativa. 
La strategia del contrasto, alternativa alla prospettiva della “riduzione del danno”, costituisce la premessa per poter garantire nei luoghi di lavoro le condizioni necessarie per l'esercizio della libertà di insegnamento, per un ruolo attivo e responsabile del collegio docenti, e per una contrattazione non subalterna. 
Tale strategia comporta, con altrettanta lucidità, la consapevolezza di alcuni punti deboli. Essa necessita di una compattezza e di una profonda unità della comunità scolastica riguardo  a quest’indirizzo e, soprattutto, comporta il rafforzamento delle relazioni tra le RSU del territorio,  che devono essere investite di indicazioni chiare e immediatamente praticabili. 
Per la strategia del contrasto
Per supportare e sostenere la strategia del contrasto sono necessari alcuni passaggi:
Rafforzare il coordinamento territoriale delle RSU, anche nella sua versione di coordinamento metropolitano. Calendarizzazione degli incontri a partire dal 31 agosto. 
Elaborazione di un documento in cui si specificano le azioni proposte  a RSU e Collegi docenti. 
Il Comitato di valutazione deve essere nominato dal Collegio docenti con l'esplicita funzione  di accompagnamento per l'anno di prova per i neo immessi in ruolo. 
Spostamento in sede di contrattazione della quota indicata dalla legge come risorse per la premialità. Questo passaggio deve trovare una legittimazione attraverso l'assemblea sindacale. 
Avviare sin dai primi giorni di settembre le richieste d’ incontro per la contrattazione di istituto anche solo per la parte normativa. 
Incontro RSU e dirigenti scolastici della FLC CGIL per definire un protocollo comune di intenti per individuare in alcune realtà scolastiche una sperimentazione orientata a ribadire un profilo di governo dell'assetto scolastico in chiave democratica e partecipata. Iscritti e RSU presenti alla riunione del coordinamento appartenenti ad altre organizzazioni sindacali sono stati invitati a svolgere azioni simili nelle reciproche organizzazioni di appartenenza.
Alcune realtà scolastiche dove è più forte la mobilitazione e la resistenza delle RSU devono essere fortemente sostenute dalla struttura sindacale e diventare riferimenti per l'intero movimento. 
La mobilitazione di piazza deve accompagnare le azioni nelle singole realtà scolastiche.
Rafforzare il senso di comuniutà ed appartenenza delle RSU per evitare fenomeni di scoramento e solitudine. E' un passaggio cruciale per accompagnare compagne e compagni in un conflitto che deve prevedere una rete di sostegno e solidarietà.
 
Proposte per la mobilitazione
Nella relazione introduttiva sono state avanzate alcune ipotesi organizzative di supporto e sostegno alla mobilitazione: 
1) A settembre proposta di una assemblea generale di tutte le RSU elette e costituzione di “Comitati per la scuola democratica”. Queste iniziative rispondono ad esigenze e sensibilità che emergono da più parti soprattutto per il carattere unitario (una richiesta simile è stata inviata alla FLC di Torino dal Manifesto dei 500). L'unità del sindacalismo scolastico è considerata un elemento di valore oltre che una risorsa per la riuscita della mobilitazione. 
2) Avviare sin dai primi giorni di settembre una manifestazione unitaria.
3) Convocare nella prima settimana dall'inizio della attività scolastica assemblee nei luoghi di lavoro o assemblee territoriali.
4) Le RSU devono essere dotate di linee guida con documenti e percorsi di iniziative da presentare alle lavoratrici ed ai lavoratori nelle assemblee e nei collegi docenti. 
5) La lotta delle lavoratrici e dei lavoratori della scuola deve trovare punti di convergenza con altri comparti e con altri gruppi di lavoratori sul versante dei diritti, del rinnovo del contratto e delle politiche economiche. 
 

L'impegno della FLC CGIL e del Coordinamento sarà quello di lavorare per iniziative unitarie e per individuare una sede comune di tutti i soggetti associativi e sindacali della scuola torinese allo scopo di dare maggiore stabilità all'esperienza unitaria di questi mesi. 
In questa direzione va letta la proposta di Comitati per la scuola democratica da attivarsi in ogni realtà territoriale della provincia. 
La lotta per una scuola democratica, libera, pubblica e inclusiva, continua!
 
Coordinamento per una scuola libera e pubblica
FLC CGIL Torino
 
 
 
Utilizzi e graduatorie provvisorie assegnazioni provvisorie I grado. USP Torino CP 170 27 luglio PDF Stampa E-mail
Utilizzi e graduatorie provvisorie assegnazioni provvisorie I grado. USP Torino CP170 
 
CP170 – Pubblicazione delle graduatorie dei docenti a tempo indeterminato richiedenti l’utilizzo e graduatorie provvisorie delle assegnazione provvisorie provinciali della scuola secondaria di 1° grado – a.s. 2015/2016Utilizzi e assegnazioni provvisorie I grado. USP Torino CP 170 27 luglio
 
 
 
Oggetto: Pubblicazione delle graduatorie dei docenti a tempo indeterminato richiedenti l’utilizzo e graduatorie provvisorie delle assegnazione provvisorie provinciali della scuola secondaria di 1° grado - a.s. 2015/2016. 
 
 Si comunica che in data odierna sono pubblicate sul sito di quest’Ufficio (http://torino.istruzionepiemonte.it/) le graduatorie provvisorie di utilizzo e 
assegnazioni provvisorie provinciali per la scuola secondaria di 1° grado, in conformità a quanto previsto dal CCNI 2015/2016 e successive integrazioni, per l’a.s. 2015/201
 Avverso le graduatorie è consentito ai sensi dell’art. 20 del C.C.N.I. la presentazione di motivato reclamo, rivolto a questo Ufficio, entro 5 giorni dalla data 
odierna. 
Le domande di utilizzo presentate ai sensi dell’art. 6 ter – Diffusione della  cultura e della pratica musicale nella scuola primaria, non potranno essere prese in considerazione in quanto nell’organico di fatto della scuola primaria non sono state autorizzate ore per la pratica musicale. 
 
 
ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEL PERSONALE DOCENTE DA CONCORSI ORDINARI –anno scolastico 2015/16 Scorrimento graduatorie in seguito a rinunce. ERRATA CORRIGE PDF Stampa E-mail
 

Nota prot.n. 5770 del 24 luglio 2015 -ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEL PERSONALE DOCENTE DA CONCORSI ORDINARI –anno scolastico 2015/16 –NOTA MIUR prot. n.20299 del 10/07/2015 (D.M. N. 470 del 7 luglio 2015).Scorrimento graduatorie in seguito a rinunce. ERRATA CORRIGE



 
Pubblicazione elenco assunzioni primaria e infanzia GAE. CP 168. USP Torino. PDF Stampa E-mail
Pubblicazione elenco assunzioni primaria e infanzia GAE. CP 168. USP Torino.
Da USP Torino (USR Piemonte- Ambito territoriale di Torino)
 
CP168 – Assunzioni a tempo indeterminato del personale docente della scuola primaria e dell’infanzia di cui alle graduatorie ad esaurimento A.S. 2015/2016.
 

Oggetto: Assunzioni a tempo indeterminato del personale docente della scuola primaria e dell’infanzia di cui alle graduatorie ad esaurimento A.S. 2015/2016.
L. 124 del 3/5/1999 - Nota MIUR prot. 20299 del 10 luglio 2015 (D.M. 470 del 7 luglio 2015)
 
Si trasmettono, in allegato,tabelle di ripartizione per singolo grado di istruzione e classe di concorso delle nomine da effettuare, nella fase 1 del Piano straordinario di assunzioni da G.A.E.
Gli elenchi dei candidati da immettere in ruolo con decorrenza giuridica ed economica 1/9/2015 sono pubblicati in data odierna sia sul sito Web di questo Ufficio scolastico Territoriale al seguente indirizzo www.torino.istruzionepiemonte.it sia sul sito web di tutte le istituzioni scolastiche.

Ai candidati inclusi negli elenchi pubblicati saranno trasmessi, agli indirizzi di posta elettronica indicati dagli stessi nella piattaforma Polis delle istanze on-line, i seguenti modelli:
1) lettera di individuazione
2) dichiarazione di accettazione
3) dichiarazione di rinuncia;

Si invitano gli aspiranti a trasmettere il modello di accettazione o di rinuncia, nel rispetto della modalità e della tempistica indicata nell’individua allegataSi pone particolare attenzione alla trasmissione dei modelli suddetti in quanto costituiscono strumento indispensabile per l’ulteriore scorrimento delle graduatorie e l’individuazione dei candidati aventi diritto all’incarico a tempo indeterminato per l’a.s. 2015/2016.

Quest’ufficio, con successiva circolare, convocherà, presumibilmente dal 17 al 28 agosto 2015, il personale individuato per la stipula dei contratti a tempo indeterminato per l’assegnazione della sede provvisoria di servizio per il prossimo anno scolastico 2015- 2016.Individuazione per assunzione a tempo indeterminato
 
_________________________________________________________
Dal modello allegato della lettera di Individuazione:
 
 
La S.V.___________________________ data e provincia di nascita ____________________, utilmente collocata nella graduatoria ad esaurimento compilata ai sensi del D.M. 235/2014, per  la scuola____________________________  posto _____________  punti _____________  riserva ______, 
come da elenco pubblicato sul sito di questo Ufficio, è individuata per l’attribuzione di un contratto a tempo indeterminato con decorrenza giuridica ed economica dal 01.09.2015.
Entro 5 giorni dalla ricezione della presente, la S.V. dovrà inviare, utilizzando gli appositi modelli allegati, al seguente indirizzo di posta elettronica certificata Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e all’indirizzo di posta elettronica ordinaria   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  o Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , l’accettazione o la rinuncia alla nomina a tempo indeterminato.
I suddetti modelli, debitamente compilati, dovranno essere firmati in originale , convertiti in formato digitale (scannerizzati) e corredati da copia digitale del documento di riconoscimento in corso di validità (art. 35 c. 2 DPR 445/2000).
Nel caso di individuazione plurima ( diverse classi di concorso e/o posti), la S.V., con l’accettazione, eserciterà il proprio diritto di opzione e sarà, conseguentemente, estromessa dalle altre graduatorie, permettendo a questo Ufficio, nel limite del relativo contingente assegnato, di procedere al successivo scorrimento per l’individuazione di altro candidato avente diritto.
La sede provvisoria di servizio Le sarà  assegnata, al termine delle operazioni di mobilità annuale (utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie), presumibilmente nel periodo dal 17 agosto 2015 al 28 agosto 2015.
La data di convocazione, in presenza, per l’assegnazione della sede provvisoria, sarà comunicata, esclusivamente, tramite avviso pubblicato sul sito web di questo ufficio usrpiemonte.torino.it.
Si informa la S.V che questo Ufficio, in caso di mancata ricezione dell’accettazione e/o rinuncia, procederà al conferimento d’ufficio della nomina, attribuendo, in caso di individuazione plurima, l’incarico più favorevole dal punto di vista economico, e, nel caso di opzione tra posto comune e di sostegno, privilegiando quello di sostegno.

torino.istruzionepiemonte.it/docenti/cp168-assunzioni-a-tempo-indeterminato-del-personale-docente-della-scuola-primaria-e-dellinfanzia-di-cui-alle-graduatorie-ad-esaurimento-a-s-2015201
 
 
Pubblicazione elenco assunzioni I e II grado. CP 166. USP Torino. PDF Stampa E-mail
Da USP Torino (USR Piemonte- Ambito territoriale di Torino)
CP 166 22 luglio 2015 Oggetto: Assunzioni a tempo indeterminato del personale docente di I e II grado di cui al concorso ordinario DM 23/3/1990  e graduatoria ad esaurimento L. 124 del 3/5/1999 - A.S. 2015/2016 Nota MIUR prot. 20299 del 10 luglio 2015 (D.M. 470 del 7 luglio 2015):
 
“Si trasmettono, in allegato,  gli elenchi dei candidati da immettere in ruolo e le tabelle di ripartizione per singolo grado di istruzione  e classe di concorso delle nomine da effettuare, nella fase 1 del Piano straordinario di assunzioni da G.A.E. e da concorso ordinario 1990.
Gli elenchi dei candidati da immettere in ruolo con decorrenza giuridica ed economica 1/9/2015 sono pubblicati in data odierna sia sul sito Web di questo Ufficio scolastico Territoriale al seguente indirizzo www.torino.istruzionepiemonte.it sia sul sito web di tutte le istituzioni scolastiche.

Ai candidati inclusi negli elenchi pubblicati saranno trasmessi: 
1) la lettera di individuazione 
2) la dichiarazione di accettazione 
3) la dichiarazione di rinuncia; 
agli indirizzi di posta elettronica acquisita tramite le domande nella piattaforma Polis per i docenti inseriti nella G.A.E. mentre ai candidati di cui al concorso ordinario del 1990 saranno trasmessi tramite posta raccomandata.  
Si invitano gli aspiranti  a trasmettere nel più breve tempo possibile il modello di accettazione. 
Qualora gli aspiranti non fossero interessati alla immissione in ruolo devono inviare rinuncia scritta utilizzando l’apposito modello di rinuncia via mail agli indirizzi di posta indicati sul modello.
Si auspica la massima celerità nella restituzione sia dell’accettazione sia della rinuncia scritta in quanto questa diventa strumento indispensabile per lo scorrimento nei confronti dei candidati che seguono in graduatoria e consente allo scrivente di procedere alla copertura totale dei posti.
 
Quest’ufficio, con successiva circolare, convocherà, presumibilmente dal 17 al 28 agosto 2015, il personale individuato per la stipula dei contratti a tempo indeterminato per l’assegnazione della sede provvisoria di servizio per il prossimo anno scolastico 2015- 2016.” 
 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Successivo > Fine >>

Pagina 9 di 129
SEO by Artio

Sondaggi

Joomla! è utilizzato per?
 

Iniziative

Banner

Calendario

Non ci sono eventi al momento.

Login