Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Benvenuto nel sito della FLC CGIL di Torino
Manifestazione 2 dicembre a Torino - PENSIONI I CONTI NON TORNANO PDF Stampa E-mail
 





 
Attivo dei delegati del 28 novembre 2017 con Susanna Camusso PDF Stampa E-mail
 



 
 
COMUNICATO. Avvio stato di agitazione Liceo Regina Margherita Torino PDF Stampa E-mail
COMUNICATO  FLC CGIL TORINO. AVVIO STATO DI AGITAZIONE LICEO REGINA MARGHERITA.
 
In data 20 novembre si è svolta un'affollatissima assemblea al Liceo Regina Margherita di Torino. 
Oltre ai temi del CCNL in fase di rinnovo, sono state affrontate le criticità che vedono da tempo 
contrapposti le lavoratrici e i lavoratori alla direzione scolastica e 
che continuano a non avere soluzione. L'espressione corale del disagio nella scuola unita alla 
richiesta del rispetto del lavoro, della professionalità e della persona, già espressa con una 
mozione sottoscritta dalla quasi totalità degli insegnanti, non ha trovato ascolto se non 
attraverso un ulteriore inasprimento delle relazioni. In una scuola che ha assunto da tempo, 
nel contesto torinese, l'accoglienza e l'inclusione congiunti ad un elevato standard di 
apprendimento come elementi di identità, la preoccupazione è forte, anche riguardo al funzionamento 
ordinario. In pochi mesi si sta compromettendo il lavoro di anni. Occorrono al più presto, 
come già sollecitato dalla Flc Cgil, una presa in carico e un intervento da parte dell'UST di Torino 
e dell'USR del Piemonte laddove una gestione molto discussa mette in discussione la cooperazione 
tra le diverse componenti della comunità scolastica.
Durante l'assemblea le lavoratrici e i lavoratori hanno manifestato la volontà ferma e determinata 
di mantenere un clima di lavoro dignitoso e confacente a un contesto formativo accogliente e di qualità 
e hanno scelto quasi a totale maggioranza, su proposta delle organizzazioni sindacali presenti, 
tra cui la FLC CGIL di Torino, l'avvio dello stato di agitazione. Una procedura che non esclude 
la proclamazione di uno sciopero.
Per ripristinare un clima dignitoso di lavoro la FLC CGIL si farà garante sotto il profilo 
giuridico e sindacale di tutte le misure affinché la mobilitazione  delle lavoratrici e dei 
lavoratori del Liceo Regina Margherita di Torino possa conseguire il risultato di garantire un contesto e una gestione adeguati a un'offerta formativa di qualità e alla complessità della comunità scolastica.
 
21 novembre
 
FLC CGIL TORINO
 
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne PDF Stampa E-mail
 
 
17 novembre. Giornata mondiale dello studente tra diritto allo studio e università in rosso PDF Stampa E-mail
17 NOVEMBRE. GIORNATA MONDIALE DELLO STUDENTE TRA DIRITTO ALLO STUDIO E UNIVERSITA'IN ROSSO
Numero chiuso, tasse universitarie in crescita, insufficienza  delle borse di studio precludono l'accesso a tanti studenti.  Aumenta la disuguaglianza sociale; per tanti, troppi, l'Universita' e'ormai un costo insostenibile. Siamo a fianco degli studenti nella protesta  per il diritto allo studio e per cambiare la legge di bilancio. La spesa finale prevista nel bilancio statale per scuola e ricerca scende ancora di piu'. Chiediamo soldi e risorse per l'Universita' pubblica!

COMUNICATO STAMPA UDU TORINO - FLC CGIL  IL 17 NOVEMBRE TRA DIRITTO ALLO STUDIO E UNIVERSITÀ IN ROSSO
UDU TORINO - FLC CGIL: IL 17 NOVEMBRE TRA DIRITTO ALLO STUDIO E UNIVERSITÀ IN ROSSO
 
Il 17 novembre - Giornata Internazionale dello Studente - si inserisce al centro delle mobilitazioni portate avanti dall’UDU - Unione degli Universitari per un’Università aperta. L’UDU Torino, tramite l’affissione di segnali di pericolo come atto simbolico, ha deciso di portare avanti la campagna nazionale “Scuola e Università IN ROSSO” per sottolineare la grave situazione economica in cui si trova l'Universitá pubblica italiana a causa del sottofinanziamento statale. 
 
La coordinatrice Valeria Sartori dichiara: “Proprio nelle ultime settimane l'Unione degli Universitari ha richiamato l'attenzione sul gravoso aumento della contribuzione studentesca a partire dai tagli iniziati durante il governo Berlusconi con la legge Tremonti 133/2008. A livello nazionale dall’anno accademico 2008/2009 al 2015/2016 la tassa media è aumentata del 35,1% fino a sfiorare i 1248,66€ . Per quanto riguarda gli atenei del Nord l’innalzamento è stato di circa il 43%. In particolare nell'Università degli Studi di Torino, dove la tassa media è aumentata di quasi il 30% arrivando quindi a 1237,87€, e nel Politecnico, dove registriamo una variazione del 41,6% che ha portato la tassa media a 1259,79€.  A livello nazionale è da tenere in considerazione anche l’effetto negativo che ha avuto la riforma dell’ ISEE, che ha provocato un considerevole aumento degli idonei non beneficiari di borsa di studio nel nostro paese e un aumento della contribuzione studentesca media nazionale di 87€ nell’anno 2015/2016 rispetto all’anno precedente.
 
Come studenti riteniamo inammissibile tale situazione che limita fortemente il diritto allo studio universitario quindi chiediamo che il Governo inizi seriamente ad investire nell’Università pubblica a partire dalla legge di bilancio.”
 
A Torino e in tutta Italia la FLC CGIL - Federazione dei lavoratori della conoscenza -  si unisce alla denuncia degli studenti. Con l'attuale disegno di legge di bilancio, il totale della spesa finale per scuola e università del bilancio statale scende dal 9,3% al 9,1%, in controtendenza rispetto ai maggiori paesi europei. Al progressivo sottofinanziamento del sistema della conoscenza corrisponde l'aumento di anno in anno delle tasse universitarie, un sempre maggiore asservimento al mercato della formazione dei giovani, un numero di borse di studio insufficiente a sostenere i costi che affrontano gli studenti.  Dall'Università di Torino, al Politecnico, alle scuole, i lavoratori della FLC CGIL TORINO sostengono la protesta degli studenti e saranno al loro fianco il 17 novembre, “Giornata Mondiale dello studente” e fino a quando questa legge di bilancio non sarà modificata con investimenti per l'Università pubblica e per una concreta realizzazione del diritto allo studio e dell' uguaglianza nell'accesso all'istruzione.
 
Il 17 novembre vuole quindi essere una data di protesta e di richiamo all' attenzione sulla situazione precaria dell’Universitaria italiana. L’accesso libero e gratuito per tutti gli studenti, senza restrizioni come il numero chiuso, rappresenta l’obiettivo primario per un Paese che vuole rimettere al centro del proprio sistema l’istruzione. 
 
UDU TORINO  
FLC CGIL TORINO
 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Successivo > Fine >>

Pagina 3 di 197
SEO by Artio
Banner
Banner

Sondaggi

Joomla! è utilizzato per?
 

Iniziative

Banner

Calendario

Non ci sono eventi al momento.

Login